L'aria calda tende a salire verso l'altro, quindi il soffitto è la parete di una stanza più soggetta allo scambio di calore per osmosi. La coibentazione (o isolamento) del tetto è quindi il passo principale per una corretta gestione del risparmio energetico.

 L'operazione è relativamente economica e, a seconda dello stato precedente del tetto, può portare a risultati anche sorprendenti. Di norma vengono eseguiti i seguenti passi.

  1. Rimozione temporanea coppi/tegole: se possibile saranno stoccati momentaneamente in un luogo vicino al tetto per consentirne il rapido riuso.
  2. Pulizia: il tetto verrà pulito da detriti accumulati negli anni.
  3. Contornatura del tetto: l'intero perimetro sarà coperto con listelli di legno dallo stesso spessore dell'isolante scelto.
  4. Posa dell'isolante: all'interno del perimetro di listelli sarà inserito l'isolante scelto.
  5. Stesura carta catramata: la parte superiore dell'isolante verrà impermeabilizzata con la carta catramata adesiva.
  6. Reinstallazione elementi pensili: particolari come canaline, grondaie e passaggi dovranno essere allungati per recuperare lo spessore dell'isolante.
  7. Posa tegole: eventuali tegole danneggiate verranno sostituite.
  8. Eventuali fiancate del tetto, se non sono protette da canali, possono essere coperte da scossaline, così da nascodere la guaina che copre e protegge i legni perimetrali.

Il tetto è ora isolato!